Non puoi effettuare un nuovo ordine dal tuo paese. United States

Consigli alimentari in tempi di quarantena

In questo periodo difficile e strano per tutti, in cui siamo costretti in una condizione che non ci appartiene, totalmente sconosciuta, è fondamentale conservare e, se possibile migliorare, il proprio benessere psicofisico.

Covid-19 da un mese ci ha messi tutti in una stessa condizione, in un modo o nell’altro, adulti, bambini, anziani. E mai come adesso è prioritario trattarsi bene, in primis con la dieta alimentare, a qualsiasi età.

In questo periodo difficile e strano per tutti, in cui siamo costretti in una condizione che non ci appartiene, totalmente sconosciuta, è fondamentale conservare e, se possibile migliorare, il proprio benessere psicofisico.

Covid-19 da un mese ci ha messi tutti in una stessa condizione, in un modo o nell’altro, adulti, bambini, anziani. E mai come adesso è prioritario trattarsi bene, in primis con la dieta alimentare, a qualsiasi età.

Mantenersi in salute, in forma, è necessario e urgente. Abbiamo delle armi che possiamo e dobbiamo usare. Ciascuno di noi ha difese naturali che può rinforzare mangiando bene, attingendo dai preziosi suggerimenti della dieta mediterranea. In questo modo i batteri benefici presenti nel nostro organismo -uno dei nostri sistemi naturali di difesa- godranno di buona salute e saranno in grado di proteggerci al meglio.

Mettere su peso e grasso, mangiando male e restando sedentari, è quanto di peggio possiamo fare, visto che il tessuto adiposo è direttamente correlato al grado di infiammazione sistemica. Questa condizione può peggiorare la sensibilità insulinica (diabete) e può contribuire allo sviluppo delle complicanze metaboliche e cardiovascolari associate all’obesità.

Dunque alimentarsi correttamente è doveroso. Il primo passo potrebbe essere organizzare bene la spesa, anche per evitare inutili sprechi.

Considerate le restrizioni, consiglio di fare a casa la lista della spesa sia per non dimenticare nulla sia per concentrarsi sulle cose necessarie ed evitare di acquistare cibi spazzatura.

Di solito nelle nostre case abbiamo scorte sufficienti di prodotti a lunga conservazione (riso, pasta, legumi, cereali, fette biscottate o prodotti per la colazione, olio). Il problema si pone con i prodotti freschi, quindi frutta, verdure, carni, pesce, formaggi freschi.

Una coppia può fare la spesa una volta ogni 4-5 giorni, un nucleo familiare di 4 persone un po' più spesso, a meno che non abbia un frigo molto capiente. Consiglio di acquistare direttamente le porzioni giuste (es: bresaola per 2 persone massimo 180-200 g), se non si tratta di prodotti surgelati o surgelabili.

L’ideale sarebbe programmare il menù almeno per 4-5 giorni, cercando di unificare le scelte per tutta la famiglia, salvo particolari esigenze (gusti, intolleranze, allergie). Questo vale anche per l’alimentazione dei bambini (vedi alimentazione dei piccoli aprile2019). Prendiamola come una grande occasione: dedicarsi di più alla preparazione di pietanze sane può diventare anche un momento di unione e di condivisione.

Ad esempio per i bambini può diventare un gioco pulire una verdura (sbucciare i piselli) o far un impasto per la pizza (vedi farine febbraio2020) o preparare un dolce con ingredienti scelti ad hoc (vedi dolci febbraio2020). E’ il momento di sperimentare (tanti hanno provato a fare per esempio il pane casalingo), ma è anche tempo di darsi delle regole e di non perdere i ritmi quotidiani o di acquisire nuove abitudini.

Iniziamo a rispettare i pasti principali e non esageriamo con i fuori pasto. Piluccare continuamente è il rischio più grande, specie per chi non è abituato a restare a casa per tanto tempo. Ecco perché è fondamentale avere le cose giuste in dispensa ed in frigo.

Una spremuta (ricca di vitamina C), qualche mandorla e un paio di crackers integrali o 4-5 grissini, invece di snack confezionati salati o dolci è sicuramente più saziante, gustoso e salutare (vedi spuntino perfetto settembre2018?). Bere tantissimo può aiutare a tener a bada la fame nervosa, allo stesso modo tisane o infusi (camomilla, zenzero, finocchio) possono facilitare a bere.

Per alcuni un’altra insidia, oltre allo stress a cui siamo tutti soggetti, può essere la noia. Dedicare una parte della giornata al movimento fisico diventa dunque un toccasana per mente e corpo.

Non potendo fare sport all’aperto, dobbiamo provare ad usare la fantasia e aguzzare l’ingegno:

·       scendere e salire le scale

·       seguire lezioni online

·       fare stretching ed esercizi di allungamento muscolare

·       evitare la sedentarietà (meno divano e poltrona, più faccende casalinghe)

Per chi si è ricordato di avere un tapis roulant o una cyclette, questo è il momento di rispolverarli e finalmente usarli! Infine chi ha la fortuna di avere un piccolo giardino, un orticello o un proprio spazio esterno (un vero tesoro di questi tempi!) deve solo usarlo al massimo.

La primavera, seppur in ritardo, arriverà per tutti.

Se ci impegniamo tutti a restare a casa, preservando la nostra salute a 360°, potremo superare questa crisi in tempi più veloci.

D.ssa Concetta Mauriello

Commenti

Lascia il tuo commento